Il mio 2018

January 01, 2019

Come ogni anno provo a riassumere quelli che sono stati i momenti più belli, le cose più interessanti che ho fatto, in cosa sono migliorato, cambiato o altro….

I Libri che ho letto

Viaggi

  • Monaco di Baviera
  • Approfittando del ponte del 2 Novembre ho organizzato un viaggio a Monaco di Baviera, in Germania, dove vive e lavora un mio collega universitario. Per questo viaggio avrei dovuto scrivere un articolo a parte ma per la solita mancanza di tempo non ci sono ancora riuscito... Ho amato particolarmente il cibo ed il museo delle scienze, insopportabile invece il freddo anche agli inizi di Novembre.
  • Val Chiavenna
  • Con i colleghi sono andato in Val Chiavenna a poche ore di macchina da Milano. Dopo aver mangiato in un Crotto siamo saliti su un sentiero con un panorama stupendo dove ho potuto sia fare foto che usare il drone.

Il lavoro

Dopo due anni di onorato servizio ho cambiato lavoro, o meglio datore di lavoro da Skillbill a Beije consulting. Attualmente faccio il consulente informatico per una banca. La differenza principale è il lavorare fisso dal cliente che secondo me rende un difficile creare un’identità aziendale, incontro i miei colleghi solo durante gli eventi aziendali.

Casa

Sono ancora alla ricerca di una casa da acquistare a Milano ma ad inizio anno ho dovuto cambiare la casa in cui ho vissuto per i miei primi 3 anni milanesi. Ho affittato una stanza a Pero per 6 mesi dove mi sono trovato tutto sommato bene ma ho sentito la mancanza della città. Per quanto Pero sia fisicamente attaccata a Milano, tutti i servizi della grande metropoli non sono presenti nel paesino, la metro chiude prima, non ci sono autobus notturni ne car sharing. Così da Agosto sono tornato a vivere a Milano.

Sito

Nel 2018 ho scritto pochissimo, solo otto articoli. Le cause sono molteplici dal cambio di lavoro a quello della casa non ho avuto particolari stimoli nello scrivere articoli. Ho fatto partire un blog secondario Provato e Recensito che avrei voluto collegare al mio profilo amazon di recensore. L’idea era quella di recensire tutte le varie cineserie che compro su amazon. Purtroppo proprio il mio profilo su amazon è stato bloccato e sto aspettando ( e sperando ) che si sblocchi per poter tornare a recensire prodotti. Cambiando portatile ho anche aggiornato Jekyll ( il motore che c’è sotto questo sito ), ho anche ottimizzato le preformance in modo da ottenere un punteggio più alto su google pagespeed.

La fotografia

Il 2018 è stato l’anno della mia Fuji X-T2, dopo essermi pentito di non averla portata con me in Brasile l’ho portata praticamente ovunque. Ad Ottobre ho acquistato una nuova lente da NOC, un 16mm f1.4 come sostituta del già ottimo 23mm f2.

Prima dell’estate su Gearbest ho trovato un’offerta su un drone che stavo cercando da tempo, il DJI Spark, ho acquistato il modello base ( senza radiocomando e con una sola batteria ) a poco più di 300€. In un secondo momento ho acquistato il radiocomando a circa 50€ su Amazon dalla germania. La grandiosità di questo drone è la semplicità di utilizzo e i vari sensori che impediscono o almeno rendono più difficile la collisione con oggetti.

I miei acquisti

  • Macbook pro 15
  • Dopo averne scritto una recensione approfondita mi sono deciso ad acquistare un MacBook Pro da 15” modello base. Oltre alla comodità del TouchId per sbloccarlo noto un aumento significativo della potenza di calcolo.
  • iPhone X
  • Dopo due anni di onorata carriera ho sostituito il mio iPhone 6s, principalmente a causa di una crepa sul display. Da quando è stato presentato il modello Xs il prezzo dell’usato del modello precedente, iPhone X, è sceso molto e ne ho approfittato.
  • Amazon Echo dot
  • Con un po’ di ritardo rispetto l’America Amazon ha presentato qui in Italia Echo il suo assistente vocale tuttofare. L’ho comprato principalmente per il prezzo, consente di riprodurre musica, puoi chiedergli informazioni sul meteo o anche una barzelletta. Con poco sforzo l’ho collegato alla mia lampadina smart ed ora accendo la luce in camera dicendo “Alexa accendi la luce”.
  • Powerbeats 3
  • Ho voluto provare questi auricolari stanco delle varie altre marche cinesi che proponevano prodotti esteticamente simili ma di qualità scarsissima. Il mio giudizio è che hanno un costo elevato giustificato però dalla grande autonomia, buona qualità dei materiali e dalla discreta qualità audio. Vista la loro forma non sono adattabili a tutte le orecchie quindi non possono essere comode per tutti. Non insonorizzano bene come delle cuffie intrauricolari ma comunque il volume del suono è più che accettabile.